Come rendere sicuro un magazzino

1016

I segreti per non sbagliare

Rendere un magazzino sicuro non è un’operazione semplice. Nulla deve essere lasciato al caso. Ma c’è qualche segreto per non sbagliare. Procediamo con ordine. Il primo passo nel costruire un magazzino sicuro è distinguere tra sicurezza ambientale e sicurezza personale.

La sicurezza ambientale

Prima di tutto è fondamentale garantire al lavoratore un ambiente sicuro. L’azienda, che dovrà fare una valutazione dei rischi, ha l’obbligo di assicurare ai propri dipendenti la funzionalità di impianti e attrezzature.

Gli impianti, elettrici e di riscaldamento, devono essere costruiti secondo le indicazioni legislative e le normative CEI. Il controllo deve essere periodico, come la revisione, ed è necessaria una verifica della messa a terra da parte di Asl e Arpa. L’impianto di riscaldamento, poi, deve essere verificato annualmente da una azienda certificata che aggiornerà la documentazione.

I percorsi destinati alla circolazione dei mezzi devono essere liberi da ostacoli, uniformi, opportunamente distanziati dai passaggi pedonali e regolati da una segnaletica idonea. I percorsi pedonali, invece, devono essere larghi, segnalati da una striscia gialla continua e, nel caso di percorso pericoloso o a rischio di caduta di materiale, protetti da parapetti o griglie.

L’organizzazione dello spazio varia in base al tipo di lavoro svolto. Un magazzino industriale che tratta elementi chimici, necessita di accortezze diverse rispetto ad un magazzino per lo stoccaggio di indumenti, ad esempio. E’ buona norma, comunque, prevedere una porta di almeno 80 centimetri e finestre che garantiscano un sufficiente ricambio dell’aria. Ovviamente devono essere presenti mezzi d’estinzione da utilizzare in caso d’incendio e kit di primo soccorso con una persona designata all’intervento immediato.

Ripiani e soppalchi, inoltre, devono avere dei parapetti per tutelare il lavoratore che dovesse perdere l’equilibrio. Gli scaffali vanno controllati periodicamente e sistemati in caso di usura, in modo tale che risultino ben fissati e agevoli.

Nei magazzini in cui vengono trattati agenti chimici e biologici, devono essere presenti specifici spogliatoi, docce d’emergenza e lavaocchi a disposizione dei collaboratori. Per agevolarli e allo stesso tempo ottenere maggiore efficienza, la corretta illuminazione dei reparti è fondamentale.

La gestione dei rifiuti deve prevedere misure volte alla tutela dell’ambiente e della salute umana riducendo impatti negativi su acqua, aria, suolo, fauna e flora e senza causare danni o rumori. I rifiuti andranno gestiti secondo priorità precise: prevenzione, preparazione per il riutilizzo, riciclaggio, recupero e, infine, smaltimento.

Materiale e attrezzature

I macchinari forniti ai lavoratori devono funzionare correttamente e devono essere sottoposti ad un controllo periodico. Ed è importante anche facilitare il lavoro degli operai, mettendo loro a disposizione attrezzature adeguate che evitino il sovraccarico fisico. Apparecchi di sollevamento e carrelli elevatori devono essere utilizzati da personale formato, dotato delle corrette imbragature e il posto di manovra deve essere messo in sicurezza.

La sicurezza personale

Un lavoratore che si sente al sicuro, aumenta la sua produttività.

Il personale deve essere formato e informato riguardo gli eventuali rischi e il corretto utilizzo dei macchinari. Le normative europee, inoltre, affermano che le attrezzature di protezione devono “essere fornite a titolo gratuito dal datore di lavoro il quale ne assicura il buon funzionamento e le condizioni igieniche mediante la manutenzione, la riparazione e le sostituzioni necessarie”.

Come scegliere i DPI (Dispositivi di Protezione Individuale)?

In generale, l’attrezzatura deve essere adeguata, deve rispondere alle condizioni del luogo di lavoro, deve essere ergonomica, adatta all’utilizzatore e deve riportare il marchio CE. Ma per capire quali attrezzature sono necessarie, serve una valutazione dei rischi riguardanti le singole parti del corpo.

Per proteggere il capo. Indossare caschi di sicurezza, protegge il lavoratore dalla caduta di materiale o in caso di urti. In base alla valutazione del rischio, andranno scelti caschi, berretti o cappellini di sicurezza. In commercio, esistono anche caschi che hanno integrata la protezione per il viso o le cuffie per attutire il rumore.

Per proteggere l’udito. L’esposizione continua a forti rumori, può danneggiare l’udito dei lavoratori. Ogni azienda, in base al tipo di lavoro svolto, deve mettere a disposizione tappi, oppure cuffie. Le protezioni possono essere passive o attive, quando è necessario avere un microfono.

Per proteggere i piedi. Le calzature di sicurezza, essenziali per scongiurare infortuni nel caso di caduta di merci oppure contatto con materiale pericoloso, si suddividono in calzature con puntale o senza. Possono essere inoltre basse, alte (fino arrivare addirittura al ginocchio), oppure sandali privi di lacci o zoccoli aperti.

Per proteggere l’apparato respiratorio. Se nel magazzino sono presenti sostanze tossiche, polveri o gas, è obbligatorio proteggere l’apparato respiratorio. Si possono mettere a disposizione mascherine semplici, usa e getta, oppure maschere con filtri antigas, antipolvere o combinati in base al grado di pericolosità.

Per proteggere gli occhi. Occhiali o maschere sono fondamentali. Gli infortuni sul lavoro per ciò che riguarda l’apparato visivo sono ancora molto diffusi. Oltretutto, poter vedere bene e in sicurezza mentre si lavora, migliora anche la produttività. Nel caso di aziende che trattano materiale pericoloso, esistono occhiali che tutelano da rischi chimici, meccanici o di radiazioni.

 

Per proteggere le mani. Indossare guanti è un’accortezza che può ridurre notevolmente i rischi. La manipolazione continua di materiale può portare a irritazioni o allergie. Guanti in lattice usa e getta, oppure guanti di materiale più resistente sono da mettere sempre a disposizione dei lavoratori.

Il segreto? Affidarsi ad un’azienda competente, ben fornita, da cui poter acquistare tutti gli elementi necessari per rendere il proprio magazzino sicuro e fornire delle corrette protezioni i propri collaboratori.